Un altro successo per la Corale


Il 17 maggio scorso, a Lanciano, presso il Teatro “Fenaroli” si è svolto il “1° Festival di Lanciano della Canzone Abruzzese”.

Una giuria di riguardo presieduta dal M° Calabrese Nicola e composta dai Maestri Di Vona Alessandro, Sabella Giovanni, Spadano Alessandro, Sigismondi Alfredo e Rullo Giuseppe, ha dovuto pronunciarsi sulle qualità canore e coreografiche che ciascun gruppo partecipante ha potuto mettere in mostra nei quindici minuti a disposizione.

La Corale Trebula è salita sul palco alle 22 e 30, dopo che si erano avvicendati, di fronte ad un uditorio attento, il Coro Folk “San Giusto Martire” di Paglieta, la Corale “Melodie d’Abruzzo” di Pescara, l’associazione culturale “San Leonardo” di Ortona ed il gruppo Folkloristico Teatino.

La tensione era palpabile e i volti distesi e sorridenti della sfilata pomeridiana lungo Corso Trento e Trieste avevano lasciato il posto alla preoccupazione di dover dare il meglio di se stessi per poter aspirare ai posti alti della classifica.
Si parte con “Novantanove” e subito si capisce che la serata è quella buona. Perfetta l’intesa tra il M° Coccia Domenico e i suoi ragazzi che rispondono ai suoi gesti con una dinamicità che a fine serata sarà sottolineata anche dalla giuria.

A seguire “La savetarelle”, con il suo ritmo incalzante, “Gran Sassu me”, “Amor’Amore” (alias “A la lancianese”), un omaggio alla città ospitante, “Viva l’amore e l’allegria”, cavallo di battaglia della Corale ed infine “La bbande de Zi Nicò”, tra un tripudio di applausi.
Ma non è finita, perché deve ancora esibirsi la Corale “Arturo Colaizzi” di Rocca San Giovanni, una di quelle accreditate alla vittoria.

Ore 23 e 15: i cori hanno fatto la loro parte. Ora tocca alla giuria.

Nella lunga attesa i gruppi si esibiscono in balletti e canti fuori programma.

Con il disappunto di qualche organizzatore per il mancato ex-equo degli ultimi tre classificati, vengono invitati a salire sul palco i direttori dei cori a partire dal sesto in classifica. Quadri non è negli ultimi tre.

Viene chiamata per il terzo posto, con il punteggio di 87,50/100, il M° Lorella Palumbo dell’associazione culturale “San Leonardo” e la tensione sale. Quando il presentatore invita per il secondo posto, con il punteggio di 88,25/100, il M° Massimo Desiderioscioli della Corale “Arturo Colaizzi” di Rocca San Giovanni, un urlo di gioia scuote il teatro. La Corale Trebula, con il punteggio di 100/100, riconferma la sua qualità.

Felici i coristi e ancor di più il loro direttore che vede premiato il lavoro proprio e quello dei giovani quadresi. Mentre riceve la coppa dalle mani del Sindaco di Lanciano Mario Pupillo, il Maestro sorride e intanto pensa ad altri traguardi, necessari perché l’entusiasmo non si spenga.